Mancanza di denti e invecchiamento estetico: si può risolvere con l’implantologia?

La perdita di denti può provocare imbarazzo e peggioramento estetico. Dite addio alle dentiere mobili e scopriamo insieme l'implatologia dentale

Tempo di lettura: 3 minuti


Professor Cappellin, quando i denti iniziano a mancare, può può peggiorare l’estetica del viso?

Sia la mancanza dei denti anteriori che quella dei posteriori causano problematiche estetiche; tuttavia, se viene a mancare uno dei primi, soprattutto nell’arcata superiore, si nota anche solo parlando e sorridendo. Se mancano i secondi, invece, si perde la cosiddetta “dimensione verticale”, causando il classico aspetto “vecchieggiante”, quello associate, per modo di dire, alle “befane”: mento sporto in avanti e avvicinato alla punta del naso.

La mancanza di molti denti posteriori permette, inoltre, la perdita del supporto delle guance, facendole risultare infossate e conferendo un aspetto “emaciato”, cioè magro, “non in salute”, come accade, spesso, nei pazienti terminali. Infine, la mancanza dei denti posteriori provoca un sovraccarico dei denti anteriori, aumentando il rischio di mobilità e successiva perdita anche di questi ultimi. Se si arriva a tal punto, si perde il supporto del labbro, che diventa molto sottile all’apparenza, e vengono accentuate le rughe perilabiali.

Come si risolvono questi problemi?

La miglior soluzione da adottare è la prevenzione, individuando le cause di possibili future perdite di denti (ad esempio, la malattia parodontale, che colpisce due persone su tre, spesso asintomatica nelle prime e cruciali fasi). Il mio consiglio è quello di affidarsi a dentisti specializzati, sottoponendosi a regolari sedute di igiene e controllo. Quando la situazione dei denti è già irrecuperabile, si può ricorrere all’implantologia, la quale permette di ripristinare la dentatura mancante, migliorando la funzione masticatoria e la parte estetica.

Sono molti i pazienti che si rivolgono a voi per migliorare l’estetica di un sorriso in cui mancano dei denti?

Negli ultimi anni, si rivolgono a professionisti del settore come me sempre più pazienti. Se in passato ci si rassegnava a usufruire delle famose dentiere mobili, con la paura di perdere le protesi quando si sorrideva o si masticava cibi più solidi, oggigiorno ci sono numerosi uomini e donne che non vogliono rinunciare al loro aspetto estetico e a una maggiore qualità di vita offerta da una dentatura bella e una masticazione sicura.

Che età hanno i suoi pazienti, in media?

Ricevo spesso over 80: il nostro “record” è, addirittura, un paziente di 97 anni. Dopo aver visto i nostri materiali informativi e i video online, ci contattano per eliminare protesi non soddisfacenti e tornare a mangiare e sorridere con denti stabili.

Risulta sicuro per pazienti molto anziani sottoporsi a un intervento di implantologia?

Ogni caso deve essere valutato singolarmente, in relazione alle esigenze odontoiatriche e alla condizione di salute del paziente. In vent’anni di ricerca, sono stati sviluppati protocolli di chirurgia computer guidata che rendono gli interventi veloci, sicuri e poco invasivi, l’ideale per pazienti anziani o contraddistinti da condizioni di salute meno favorevoli. L’esecuzione di questi interventi avviene in totale sicurezza e, soprattutto, offrendo un’assistenza costante ai pazienti anche nei giorni successivi all’intervento.

Elaborazione dell’articolo a cura di Stefania Albanese

Dr. Mario R. Cappellin
Professore a contratto di Ergonomia, discipline odontoiatriche ed Economia Aziendale all’Università di Modena e Reggio Emilia.
info@clinicacappellin.it
c/o Clinica dentale Cappellin
sedi a Torino e Pinerolo
(dir. san. dr.ssa Elisa Bottero / dir. san. dr. Mario R. Cappellin)
Tel. Torino: 011.0886330 Pinerolo: 0121099100


Comunicazione sanitaria informativa ai sensi della legge 145/2018 (comma 525) curata dalla Clinica dentale Cappellin srl Società Benefit (aut. san. 60bis, direttore sanitario dr. Mario R. Cappellin, odontoiatra, Albo TO 2272).
 Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Condividi questo articolo

Articoli correlati

Nessun articolo trovato