Allenamento funzionale: di cosa si tratta?

Si sente spesso parlare di "allenamento funzionale", anche se in molti ancora non sanno dargli un significato. L’abbiamo chiesto al chinesiologo Jacopo Papa, del Centro Fisioterapico Dal Fuoco

Tempo di lettura: 3 minuti


Dott. Papa, qual è il vostro concept di palestra?

All’interno della Clinica Dal Fuoco abbiamo messo a punto una piccola palestra multifunzionale per coloro che ne necessitano a fini riabilitativi e non solo. L’abbiamo infatti studiata per poter accogliere ogni tipo di necessità ed obiettivo, che sia questo di tipo prestazionale, oppure il recupero da un infortunio o, ancora, l’incremento di massa muscolare. Il nostro concept di palestra offre tutte queste possibilità, con una missione a noi molto chiara: il paziente va seguito. Dallo studio e la preparazione di una scheda di allenamento adatta ai suoi obiettivi e le sue caratteristiche, al corretto svolgimento degli esercizi stabiliti, fino all’analisi dei miglioramenti ottenuti dal punto di vista prestazionale. Qui, alla Clinica Dal Fuoco, facciamo della cura del cliente il nostro vero e proprio punto di forza.

La palestra funzionale è quella con tanti attrezzi?

Per essere funzionale, la palestra non ha bisogno di troppi attrezzi. Quel che conta è che ci siano quelli “giusti” e che l’istruttore (o il personal trainer, come va di moda chiamarlo oggi) conosca bene il potenziale e l’utilizzo di ciascuno.

Di fondamentale importanza è il bilanciere, in quanto è utile e funzionale per molti gruppi muscolari: può infatti essere utilizzato per i pettorali (panca piana con bilanciere), per le spal, per gambe e glutei (squat e stacchi); poi ci sono i manubri, altrettanto importanti in quanto utili per lo svolgimento di diversi esercizi; la panca, complementare agli strumenti sopra indicati; la sbarra per trazioni, che permette di lavorare in maniera specifica su bicipiti e dorsali, ma che è utile anche per il rafforzamento degli addominali. Infine, i cavi che servono per rinforzare in quanto isolano molto di più i muscoli specifici rispetto agli esercizi a corpo libero, e la spalliera, molto utile per la ginnastica e la riabilitazione.

Per un allenamento completo non servono troppi macchinari: bastano quelli giusti utilizzati nel modo corretto.


Cosa significa allenamento funzionale?

L’allenamento funzionale fa riferimento a degli schemi motori basici (squat, trazioni, spinte, stacchi da terra), utili per lo svolgimento di quei movimenti che spesso capita di fare nel quotidiano, senza neanche accorgersene (come il sollevamento di una cassa d’acqua, per esempio). Ecco, bisogna pensare che non tutti sono “bodybuilder” e riescono a praticare questi sforzi con estrema semplicità, ma allo stesso tempo tutti dovrebbero essere in grado di farlo senza rischiare di incombere in infortuni. Allenamento funzionale significa proprio questo: strutturare l’attività metodica e gli esercizi in base a quello che vuole essere il risultato finale. Quindi, se ciò che si vuole ottenere dall’allenamento in palestra è la capacità di sollevamento di una cassa d’acqua senza troppa fatica, gli esercizi saranno mirati a rafforzare i muscoli coinvolti in quei movimenti al fine di ottenere tale risultato.


Dott. Jacopo Papa
jacopo.papa@dalfuocofisioterapia.com
c/o Clinica Dal Fuoco
Sede a Volpiano
Tel. 011 995 2200

Comunicazione sanitaria informativa ai sensi della legge 145/2018 (comma 525). Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica

Condividi questo articolo

Articoli correlati