Perdita dei denti: si può evitare?

In passato si considerava normale rimanere senza denti con il progredire dell’età: oggi sempre più studi scientifici evidenziano le gravi conseguenze dell’edentulia. Ne abbiamo parlato con il dr. Mario R. Cappellin, direttore dell’omonima clinica dentale in Pinerolo.

Tempo di lettura: 3 minuti


Dottor Cappellin, lei si occupa da vent’anni di edentulie, quali sono le cause di questo fenomeno?

Un tempo era pensiero comune che l’edentulia fosse legata all’invecchia­mento, perciò la maggior parte delle persone si rassegnava a dover porta­re, prima o poi, una protesi totale (la classica “dentiera”): grazie all’impe­gno di tanti colleghi che, come me, si sono dedicati alla ricerca di soluzio­ni a questa patologia, si è gradual­mente diffusa la consapevolezza che si tratta di una patologia che si può e si deve curare, perché porta con sé conseguenze indesiderate, sia a li­vello medico, sia a livello psicologi­co e di relazione.

Sta dicendo che le conseguenze sul­la masticazione non sono le più im­portanti?

Certamente sono le più evidenti, perché la mancanza dei denti non permette di masticare tutti cibi, specialmente quelli più consisten­ti; anche le implicazioni estetiche della mancanza di un sorriso natu­rale possono tuttavia essere mol­to limitanti nella vita delle persone: ne parlava già Haraldson nel 1979 (studi poi ampliati e confermati da Strassburger nel 2006 e da Fueki nel 2007), indicando una maggiore au­tostima e sicurezza nelle persone edentule riabilitate con dentatura fissa, rispetto ai portatori di protesi totali rimovibili.

Ho studiato all’Università di Torino e a quei tempi era un punto di ri­ferimento per l’insegnamento sulla protesi totale, ma fin dai primi anni dopo la laurea mi sono reso conto che sono veramente pochi i pazien­ti che si adattano volentieri a porta­re per tutta la vita una dentiera: per questo motivo abbiamo costante­mente cercato tecniche avanzate e investito in innovative tecnologie che permettano ai pazienti di tornare a masticare e sorridere con denti fissi.

Al giorno d’oggi è quindi possibile avere denti fissi per tutti i pazienti edentuli che lo desiderano?

Già negli anni ’80 Brånemark, il pa­dre dell’implantologia moderna, di­ceva che “Nessuno dovrà più morire con i denti immersi in un bicchiere d’acqua” e negli anni la ricerca ha permesso, mediante tecniche come la rigenerazione ossea o la chirurgia computer guidata, di ampliare mol­tissimo le nostre possibilità di riabi­litazione con denti fissi, sfruttando anche zone con poco osso o appunto ricostruendolo quando necessario.

Attualmente sono veramente pochi i casi in cui non si riesce a ottenere una dentatura fissa: la nostra mis­sione è continuare a ricercare nuove tecniche, sempre più efficaci e meno invasive e, considerando i progres­si avvenuti nei soli ultimi dieci anni, ci sono eccellenti prospettive di rag­giungere questo obiettivo.

Non bisogna infine dimenticare l’im­portante aspetto della prevenzione: educando i pazienti alla corret­ta igiene orale, si può diminuire la percentuale di coloro che si trove­ranno a perdere tutti i propri den­ti in età avanzata. Considerando che l’età media tende costantemente ad aumentare, educare le giovani ge­nerazioni alla prevenzione è un in­vestimento sulla salute dell’intera popolazione, che deve essere por­tato avanti parallelamente alla ri­cerca di nuove opzioni terapeutiche per curare coloro che hanno perso i propri denti naturali. In partico­lare la malattia parodontale (cau­sa principale della perdita dei denti, presente in circa un terzo della po­polazione, anche giovane), può es­sere curata tanto più efficacemente quanto precocemente viene indivi­duata, mediante semplici sedute di igiene orale professionale.

Qualora si arrivi tardi e si siano già persi alcuni denti, intervenire tem­pestivamente nella riabilitazione fissa è fondamentale: in questi ca­si rimandare aumenta il rischio che una perdita parziale possa compro­mettere la dentatura residua.


Dr. Mario R. Cappellin
Professore a contratto di Ergonomia, discipline odontoiatriche ed Economia Aziendale all’Università di Modena e Reggio Emilia.
info@clinicacappellin.it
c/o Clinica dentale Cappellin
sedi a Torino e Pinerolo
(dir. san. dr.ssa Elisa Bottero / dir. san. dr. Mario R. Cappellin)
Tel. Torino: 011.0886330 Pinerolo: 0121099100


Comunicazione sanitaria informativa ai sensi della legge 145/2018 (comma 525) curata dalla Clinica dentale Cappellin srl Società Benefit (aut. san. 60bis, direttore sanitario dr. Mario R. Cappellin, odontoiatra, Albo TO 2272).
 Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Condividi questo articolo

Articoli correlati